Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Scrivere’

caro_amico

Io scrivo troppo chiaramente, per cui devo avere uno di questi problemi:

A – Non sono sensibile
B – Non sono poetico.
C – Non ci sto proprio con la testa.

(Charles Bukowski)

Annunci

Read Full Post »

scrittore_1

«Scrivere, pertanto, è un’attività complessa: è, insieme, preferire l’immaginario e voler comunicare; in queste due scelte si manifestano tendenze assai diverse e a prima vista contrastanti. Per pretendere di sostituire un universo inventato al mondo esistente, bisogna rifiutare aggressivamente quest’ultimo: chiunque vi stia dentro come un pesce nell’acqua e pensi che tutto vada bene, non si metterà certo a scrivere. Ma il desiderio di comunicazione presuppone che ci si interessi agli altri; anche se nel rapporto dello scrittore con l’umanità entra dell’inimicizia e del disprezzo.»
Simone de Beauvoir, “La terza età”

Read Full Post »

Solit_

« Siamo animali solitari. Passiamo la vita cercando di essere meno soli. Uno dei metodi più antichi è quello di raccontare una storia pregando l’ascoltatore affinché dica, e senta interiormente,: Sì, è proprio così, o almeno è così che mi sento. Non sei così solo come pensavi »
John Steinbeck

Read Full Post »

fare-l-amore-586x399

Non credo esista una sostanziale differenza tra chi scrive e chi legge, la differenza è più espressa dagli argomenti che si scelgono di scrivere o leggere.
Per molti anni, non ho mai compreso che cazzo ci si trovasse nel leggere banali idiozie sull’amore. Io ho sempre letto, per svago, principalmente romanzi dell’orrore, qualche saggio sul cannibalismo o sul vampirismo, fumetti della Bonelli, poesie di Baudelaire che mi affascinavano, ma alle quali non sapevo dare un vero senso e pallosissimi manuali d’istruzioni o riassunti di corsi, per motivi lavorativi.
Ebbene, credo di aver tristemente compreso che, in molti casi, le persone scrivano o leggano in base a ciò che gli manca nella vita, per questo va così tanto l’amore.
Spero di buttare presto la biro nel cesso e di ricominciare a rileggere qualche romanzo di Barker.

Paul Mehis

Read Full Post »

Roth_80

«Forse dovresti scrivere.»
«Invece tu dovresti piantarla di leggere tutto ciò che è stato scritto.»
«E cosa dovrei fare nel tempo libero?»
«Immergerti nella vita vera.»
«C’è un libro che parla proprio di questo, sai.»

Philip Roth, “Il professore di desiderio”

Read Full Post »

Immagino che sia capitato anche a voi di trovarvi in uno stato di profonda prostrazione, di avere l’umore sotto i piedi, di trovarvi in un vicolo cieco, apparentemente senza via d’uscita. Sono stati d’animo terribili, devastanti. Una volta ho scritto in proposito, senza eccessiva convinzione, per la verità, essendo disarmonicamente ispirato :
Un essere umano, compreso il sottoscritto, quando è in preda a stati d’animo estremi, più che altro negativi, dovrebbe sforzarsi comunque di comunicare pubblicamente, cercando, però, di misurare e parole. Il rischio di una deriva, di qualunque genere, è molto alto, a meno che non sia dotato di un buon autocontrollo o sia un professionista, capace, quindi, di esporre in modo composto, costruttivo e comprensibile anche tetri pensieri. Questo non è il mio caso, per cui, quando avverto impellente la necessità di comunicare, ricorro ad un espediente: riporto frasi d’autore, passaggi profondi, sensati, attinenti ad una particolare condizione. Per me vale come un esorcismo. Ultimamente ne faccio largo uso. Ovviamente, a tale pratica si può far ricorso per tante ragioni, sospinti da qualunque stato d’animo. Ciò vale per me e per chiunque di voi. Io lo considero un omaggio, una forma di riguardo, una delicatezza, che sia forgiato da un vecchio saggio o da una semisconosciuta giovinetta di 33 anni.

img_2299_2

” Nessuno dovrebbe raccontare la propria storia a meno che non sia assolutamente certo di avere qualcosa da dire. Ad essere sinceri non è che io sia proprio sicura che quanto sto per rivelarvi possa cambiare la vita a qualcuno o sia così importante; so però che le parole mi si affollano sulla punta delle dita, e se non le scarico sulla tastiera potrebbero tornare indietro e trasformarsi in grumi lessicali intorno al mio cuore. Grumi del genere possono essere peggio di un coagulo di sangue: quest’ultimo può ucciderti se raggiunge un’area vitale dell’organismo, i coaguli di parole se ne stanno lì, a procurarti un’occasionale acidità di stomaco per tutte le cose che avresti potuto dire e non hai detto.”

” Capita che s’incontrino persone che non dovrebbero mai finire insieme, in nessun caso, neanche fossero l’ultimo uomo e l’ultima donna rimasti sulla faccia della terra, per il dolore e la sofferenza che inevitabilmente si procureranno l’un l’altra. “

Meenakshi Reddy Madhavan, “Diario segreto di una ragazza indiana”

Read Full Post »

«Ma quel che più conta è la mia convinzione che l’abitudine di scrivere così, solo per il mio occhio, è un buon esercizio. Scioglie le giunture. Poco importano le cilecche e le papere. A questa velocità devo sparare al mio argomento i colpi più diretti e fulminei, e così devo mettere mano alle parole, e sceglierle e lanciarle, senza maggior indugio di quanto me ne occorre a tuffare la penna nel calamaio.[…]
Che tipo di diario vorrei fosse il mio? Un tessuto a maglie lente, ma non sciatto: tanto elastico da contenere qualunque cosa mi venga in mente, solenne, lieve o bellissima. Vorrei che somigliasse a una scrivania vecchia e profonda o a un ripostiglio spazioso, in cui si butta un cumulo di oggetti disparati senza nemmeno guardarli bene. Mi piacerebbe tornare indietro, dopo un anno o due, e trovare che quel guazzabuglio si è selezionato e raffinato da sé, coagulandosi, come fanno misteriosamente i depositi di questo genere, in una forma; abbastanza trasparente da trasmettere la luce della nostra vita, eppure ferma, un tranquillo composto che abbia il distacco di un’opera d’arte. Il requisito principale (ho pensato rileggendo i miei vecchi diari) non è fare la parte del censore, ma scrivere come detta l’umore, e di qualunque cosa; perché mi ha incuriosita la mia passione per le cose buttate alla rinfusa, e ho scoperto il significato proprio là dove allora non lo vedevo. Ma la scioltezza si muta facilmente in sciattezza. Occorre un piccolo sforzo per affrontare un personaggio o un episodio che deve essere annotato. Né si può consentire alla penna di scrivere senza guida; si rischia di diventare pigri e trasandati.»

Virginia Woolf, “Diario di una scrittrice”

Read Full Post »

Older Posts »