Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘luporenna’

Noi e gli altri

bc_tommaso

Viviamo nell’attesa – molti – che arrivi quel fatidico giorno in cui, tutto ciò che abbiamo vissuto fino ad allora, ogni singolo avvenimento, possa assumere, all’improvviso, un unico sorprendente significato. E tutte le ipocondrie, le smanie, le inquietudini scaturite dalla convinzione d’aver perso del tempo, impegnati in attività non funzionali a nulla, possano trasformarsi, magicamente, in un sentimento di profonda gratitudine.
Questi siamo noi e le nostre aspettative – e le nostre persecuzioni. E poi ci sono le persone normali, quelle che non reclamano alcuna contropartita, e festeggiano i loro compleanni, come traguardi.

Tommaso Renna (6 Ottobre 1492 – mancavano appena 6 giorni alla scoperta dell’America)

Read Full Post »

Read Full Post »

C’ho detto?

Maschera bianca_2

Read Full Post »

lupo solo

” L’opposto di solitudine non è stare insieme. È stare in intimità.” (Richard Bach).

Mi piace quest’aforisma. Sebbene molto sintetico, esprime, nella sua semplicità, la mia idea di solitudine. Non intendo quella che si cerca nella meditazione e nella preghiera, che si sospinge nella ricerca dell’ispirazione o della contemplazione estatica, intendo quella più deprimente e deleteria, sinonimo d’isolamento ed emarginazione. E’ una condizione che mi appartiene, aldilà delle apparenze, e che ho cercato più volte di comprendere nelle sue stratificazioni.
Ritorno all’aforisma dove dice: “E’ stare in intimità”.
Per me l’intimità, aldilà della sua definizione classica, ovvero una condizione di particolare vicinanza, fisica e/o emotiva, fra due o più esseri umani, presuppone un requisito essenziale: la condivisione della verità. Quella che dimora infondo ai nostri cuori: l’unica, totale, autentica. Quella che troppo spesso sussurriamo sottovoce, velata, mistificata, persino a noi stessi. Quella che non ammette aggettivi, come l’amore vero o la giustizia – la mezza giustizia o l’equa giustizia. La giustizia è una sola: o è giustizia o non lo è -.
Tornando all’intimità, non ci può essere vera intimità, o profondo scambio di essenze, se non ci si apre nella forma più totale e sincera; direi anche: disinibita. Questo limite ci spinge alla solitudine. Spalanca le porte ad uno tra i vizi più subdoli: l’autocommiserazione.
Più si restringe il cerchio dei depositari dei nostri più intimi segreti, per viltà, per vergogna, per mancanza di profondo convincimento, per stanchezza, depressione o anche per orgoglio o supponenza, più si tende a rifugiarsi nella solitudine. Si protende a quella forma di auto-appagamento che non ha niente che fare con la libertà e l’indipendenza.
A parer mio, uno dei doveri principali che ci tocca rispettare su questa terra, con rispetto ed onestà verso chiunque, è l’iterazione sociale; ma non solo, qualora gli eventi, o la nostra stessa natura, ci abbiano dirottato, bisogna puntare alla nostra piena riabilitazione reclamando corrispondenza, con fiducia ed entusiasmo.
Questo è ciò che penso, o meglio, ciò di cui soffro … a volte.
Vostro luporenna.

Read Full Post »

Una nuova primavera
per il joker luporenna,
la numero cento.

Solchi rigati dal pianto.
Tessuti fibrosi ritorti.
Cicatrici di guerre mai vinte.

Frecce d’argento
migrano a nord,
note d’azzurro già scritte.
Alvei vermiglio
votati alla morte,
vite su vite
a nord dello Yukon.
Canti perenni.
Istinti irreprimibili.

luporenna sogna,
luporenna freme,
luporenna spera
che il vento rimuova
quell’ultimo velo.

L’ennesima primavera,
la numero cento.
e luporenna lotta
reclamando una fine.

Read Full Post »

L’angelo ribelle

Basta il lieve movimento di una mano,
per placare una voglia licenziosa,
di quelle che ti offuscano la mente.
Cosicché un desiderio in solitario
si trasforma in una turpe tentazione.
Ma è soltanto un surrogato.
E vorresti trascurare quel richiamo,
ma non puoi.
Ed allora t’abbandoni,
con un lento andirivieni cadenzato,
mentre un’ombra detta il ritmo,
ora incalza …
i ventricoli in affanno …
è il segnale …
sei nel gorgo …
è il collasso …
la quiete immaginaria.
Mentre l’angelo ribelle è ancora lì,
nudo, etereo,
che ti ammicca.
Ed il senso d’impotenza ti devasta.
Ed ancora più tremende son le pene
che vorresti che la vita t’infliggesse,
per l’inganno che hai accettato incautamente,
senza alcuna costrizione.

Read Full Post »

Il sesso parte 1 – le origini

Siamo prodotti della libido (by luporenna)

Raccolgo la proposta dell’amica Melodiestonate di scrivere insieme un articolo sul sesso, nonostante rappresenti un argomento un po’ ostico per me. Più che altro: poco esplorato.
Lo faccio pubblicando un mio studio già presentato qualche anno fa e che si avvale di reali e documentate ricerche scientifiche.
Faccio una premessa. E’ una mia consuetudine, nel comprendere a fondo e trattare qualunque argomento, di risalire alle sue origini. Per esempio, se devo capire il funzionamento delle eliche delle navi, non mi soffermo su delle semplici spiegazioni tecniche, io risalgo all’età del bronzo, tempo permettendo.
Comunque, questa storia del giramento di eliche, meglio ancora: del giramento di pale, non l’ho introdotta a caso. Riferita alla mia persona, e credo anche alla collega Melodiestonate, costituisce un fenomeno che si attiva spontaneamente, anche più volte al giorno. E non so più a cosa risalire per comprenderne le cause.

Veniamo all’argomento.
Sapere cos’è un gorilla? E’ un primate antropomorfo, il più grande primate della terra. Il gorilla si suddivide in due specie: gorilla delle pianure (gorilla gorilla) e gorilla delle montagne (gorilla beringei); il famoso Silver Back tanto caro a Dian Fossey.
L’uomo condivide con quest’animale, gran parte del proprio patrimonio genetico. La differenza è davvero minima. E’ presente unicamente a livello di “Famiglia”, come si osserva dal prospetto seguente, stilato secondo i livelli gerarchici della classificazione tassonomica:

Regno: Animali (Uomo e Gorilla)
Tipo: Cordati (Uomo e Gorilla)
Sottotipo: Vertebrati (Uomo e Gorilla)
Classe: Mammiferi (Uomo e Gorilla)
Ordine: Primati (Uomo e Gorilla)
Sottordine: Ominoidei (Uomo e Gorilla)
Famiglia 1: Ominidi (Uomo “Homo sapiens”)
Famiglia 2: Pongidi (Gorilla “Gorilla gorilla” – Scimpanzè “Pan troglodytes” – Bonobo “Pan paniscus”)

 Detto ciò, sapete qual’è la dimensione media del pene in posizione eretta di questa bestia da due metri per due quintali? (per posizione eretta intendo quella dell’appendice) Circa 8 cm; misura sufficiente a garantirgli la riproduzione e, a differenza dell’uomo, nessun altro impiego improprio.
Ora, considerato che il suo naturale alloggiamento, la sua dimora, riferito sempre al pene, ovvero il dotto vaginale della femmina di gorilla, è di dimensioni pressoché simili a quello della donna, perché il membro maschile dell’uomo si attesta esattamente su una misura doppia? Perche questa sproporzione?
Sproporzione relativa, ovviamente. Per talune rappresentanti del gentil sesso, affette da “bulimia sessuale” sproporzionato è un aggettivo inadatto riferito a certe misure. Si può parlare di adeguatezza del termine solo se si fa riferimento alle specie bovine o equine, pony esclusi.
Comunque, per trovare la risposta al primo quesito dobbiamo tornare indietro a circa 3,2 milioni di anni fa; la datazione certa dell’Australopithecus afarensis denominato Lucy, la nostra prima ufficiale antenata, anche se da ritrovamenti successivi e da studi del DNA, è ormai appurato che la separazione tra le scimmie antropomorfe e i primi ominidi è avvenuta circa 5 milioni di anni fa.
Immaginiamo la giornata tipo di Lucy. Esonerata dagli impegni ordinari della donna moderna. Una volta spazzata la caverna, cucinata una costoletta di mammut, messi a dormire i pargoletti in qualche anfratto roccioso, che cavolo aveva da fare se non concentrarsi su certe ludiche attività? Senza, tra l’altro, alcun vincolo indotto dal rispetto della fedeltà coniugale. Che cosa volete che ne capissero quelli del matrimonio (beati loro…)
Continuando, tutti sanno benissimo che tra il maschio e la femmina chi cattura è la donna, e questo è valso soprattutto per Lucy, non in senso figurato, nel suo caso, consentendole di irretire a suo piacimento, con clave o mezzi di fortuna, qualunque cavernicolo dotato che le capitasse a tiro.
Cos’ha prodotto questa scelta mirata, questa ricerca libidinosa di una maggiore gagliardia di un certo organo e di una maggiore “profondità” nel rapporto, con la conseguente disponibilità di una più numerosa varietà di posizioni d’accoppiamento? Una bella ed inevitabile: SELEZIONE. Sostanziale e determinante, aggiungo.
Per migliaia di anni, quindi, Lucy e sue le focose discendenti, hanno determinato una modificazione anatomica del maschio costringendo all’estinzione i normodotati del tempo.
Per fortuna, ad un certo punto, trovata una conformazione standard, più o meno sufficiente a garantire delle performance soddisfacenti, le nostre progenitrici si sono date una calmata. A tutto c’è un limite.
Grande gratitudine dobbiamo noi maschietti a queste “giudiziose” antenate. Se il trend fosse continuato in modo scriteriato, al giorno d’oggi saremmo stati costretti a trascinarci dietro dei veri e propri attrezzi da scasso.
Qui si potrebbe aprire una discussione su quanto sia cambiata la moralità della donna nel corso della storia, dati certi pregiudizievoli trascorsi, e di quanto abbia inciso e quanto incida tuttora la libido nei suoi aspetti comportamentali. Con questo non intendo assolutamente assolvere i maschi, sia contemporanei che antenati. Relativamente a quest’ultimi, se la donna costituisce l’unico esempio di mammifero che possiede i lobuli ed il tessuto adiposo delle ghiandole mammarie di dimensioni e quantità spropositate, nonché le stesse mammelle esterne costantemente protese, non solo durante la fase pre e post gestazionale, una certa responsabilità emerge. Per fortuna le protesi siliconiche sono state introdotte solo alcuni decenni dopo, altrimenti, per quei trogloditi, sai che abbagli. Altro che selezione naturale.

Il sesso parte 2 – la chimica

“La donna sceglie l’uomo, che poi la sceglierà!” (by Melodiestonate)

Nel mondo animale, tutto dipende dal “feromone”, ovvero la “sostanza secreta da un individuo e recepita da un altro, capace di scatenare in quest’ultimo una reazione eccitante”
Tra gli esseri umani esiste una piccolissima percentuale di persone che hanno sviluppato un olfatto più sensibile e che quindi hanno percezioni, sia piacevoli che spiacevoli, molto più intense. Questo è frutto di emozioni inconsapevoli legate ad esperienze passate.
Le prime relazioni madre-bambino e padre-bambino si creano, infatti, proprio attraverso l’odore, tanto che il neonato riconosce i genitori “annusandoli” fin dai primi giorni di vita.
Per quale motivo il maschio appare più interessato al sesso rispetto alle femmine e cosa rappresenta veramente il sesso per questo?
La ragione è che l’impulso sessuale maschile è più forte perché l’area del cervello, in cui gli ormoni stimolano il desiderio sessuale, è più grande rispetto a quello delle femmine.
Per l’uomo il sesso, data la sua elevata importanza, è un metodo efficace per mettere da parte molti problemi. Egli tende a concentrarsi su questa attività piuttosto che sui suoi grattacapi.
Un’alta caratteristica tipica del mondo maschile è lo spirito di competizione e l’ansia da prestazione. Il maschio, rispetto alla femmina, ovviamente non può simulare, e poi, culturalmente, ci si attende di più da lui. A l’uomo spetta l’iniziativa, la parte più attiva nel rapporto, e questo determina, di conseguenza, una  maggiore responsabilità nella riuscita dell’atto.
Per le donne la maternità e la bellezza assumono un rilievo importante. Una donna accetta anche un seno “al silicone”, se questo può contribuire all’accrescimento della propria autostima.
A volte mi torna in mente questa frase: “come la donna ha bisogno di amore per aprirsi al sesso, l’uomo ha bisogno di sesso per aprirsi all’amore. – John Gray – Marte e Venere in camera da letto”
Penso che il sesso sia paragonabile ad un videogioco. Con ogni nuova/o compagna/o è come se si giocasse una nuova partita. Il primo livello, (l’innamoramento) è sempre molto eccitante, di bello c’è la novità, la conoscenza ma quando si è esplorato il tutto, si giunge inevitabilmente ad un bivio. Le alternative sono, o cambiare videogioco, per superare la noia, o passare al secondo livello, quello più profondo, (l’amore).
Un rapporto di coppia maturo è tale quando c’è condivisione sin dall’inizio di momenti felici e meno felici. Quando si sono combattute per diversi anni le avversità della vita, nella stessa trincea. Si tratta di un capitale che sarebbe un peccato sprecare. A tale scopo, se usato al meglio, il sesso si rivela un mezzo molto efficace per rendere più profonda qualunque relazione, l’importante è che entrambi i partecipanti siano motivati a farlo. Non sempre buttare il vecchio videogioco per uno nuovo si rivela un affare.

Ma solo provando (sono luporenna a parlare) se ne può avere il riscontro.

 

Read Full Post »

Older Posts »