Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Coraggio’

scala

Sii sempre curioso, è il primo passo. Per il secondo occorre un minimo di sforzo: prendi la scala. Appoggiala contro il muro. Qui viene il difficile: osare l’avventura, uscire dal proprio recinto. Reggerà la scala? Non mi romperò l’osso del collo come zia Giuseppina? Lascia perdere la zia Giuseppina e sali sul primo piolo. Traballa un po’, sì, ma non è successo niente. Stai diritto e sorridi. Non sei un gambero sei un essere umano, muovi quel sederone e sali un altro paio di gradini!
Bravo, ora sei a metà, la maggioranza a questo punto esita e comincia a barcollare, frigna, poi scende (qualcuno precipita gridando mamma!) ma tu non sei la maggioranza, sei unico, irripetibile, diverso da ogni altra forma di vita, quindi completa l’opera. Vai!
Oooh, sei in cima, ce l’hai fatta, non era poi così difficile! Adesso dai un’occhiata più vasta possibile, da farci entrare tutto il mondo dentro. Così com’è, non c’è nulla da cambiare, tutto è bene, credimi, inspira profondamente, colmati lo sguardo fino a scoppiare di bellezza.
Come “cos’è?” È la vita, la tua. Guarda che panorama! Il mondo non è mai stato così meraviglioso come oggi, vero? Che differenza con lo sbattere la testa al muro. Era il tuo muro, d’accordo, ma non ti senti un po’ meglio, adesso? Sì, questa è davvero la tua giornata straordinaria. No? Ti senti solo? Sperduto? Abbandonato? Ce l’hai una bocca per parlare o no? Allora usala! Coraggio, ti aiuto io, chiediamolo insieme: «Iuuu!! c’è qualcuno qui?» Adesso sta a vedere, fidati, prima o poi arrivano, arrivano sempre, è matematico. C’è un sacco di gente curiosa quanto te. Hanno fantasie straordinarie e sogni da vendere. E non cercano di meglio che un compagno di viaggio sorridente e gentile che gli permetta di fare come vogliono, così come lo permetteranno a te. Perché tu vuoi amici del genere, vero? Liberi e straordinari. Chi sarà il primo? O la prima? Fidati, non c’è niente di più delizioso dell’attesa …Ancora niente?… Senti risatine nei cespugli? Bene, quindi qualcuno è già arrivato, se ride fregatene e ridi pure tu, ti prendono in giro perché sono più timidi di te.
«Iuuuuu!!» Bravo, così, più forte…
«IUUUUU!! C’È QUALCUNO QUI?»
Oooh, così mi piaci, semplice, forte e chiaro.
E domani, invece della scala, porta il piccone.
I muri vanno abbattuti, tutti.

Diego Cugia, “Jack folla”

Read Full Post »

vergogna

La vergogna è un sentimento fondamentale. Vergogna (*) viene da vereor gognam, che significa temo la gogna: la mia esposizione pubblica. Oggi l’esposizione non la si teme più. E allora cosa succede: se io mi comporto in una modalità trasgressiva, beh che male c’è. Vado incontro ai desideri nascosti di ciascuno di noi e li espongo, quanto son bravo. E allora a questo punto non sono più visibili con chiarezza i codici del bene e del male. C’era Kant che diceva che il bene e il male ognuno li sente naturalmente da sé; usava la parola sentimento. Oggi non è più vero. Semplicemente se uno ha il coraggio anche di mostrarsi vizioso, se ha il coraggio anche di mostrarsi trasgressivo è un uomo di valore, almeno lui ha il coraggio, ha interpretato i sentimenti nascosti di ciascuno di noi. Questo ormai significa, non dico il collasso della morale collettiva, ma persino di quella individuale, quella interna, quella psichica. Quindi la fine dei tempi.
Umberto Garimberti

(* = per alcuni “vergogna” deriva dal latino “verecundia”)

Read Full Post »

articolo-onar-dicembre

Le vittorie non sono i grandi successi.
Non sono l’arrivo al traguardo del vincitore.
Non sono la corona di alloro e l’applauso del pubblico.
Non sono il gradino più alto del podio.
Sono le vittorie che tu riporti giornalmente sulla solitudine, sulla povertà, sulla fame, sulla fatica, sulla sconfitta, sulla delusione, sull’ingiuria, sul disprezzo, sulla sofferenza.
Sono la tua resistenza alle difficoltà.
Sono il tuo coraggio nell’affrontarle.

Giulio Cesare Giacobbe, “Come diventare bella, ricca e stronza. Istruzioni per l’uso degli uomini”

Read Full Post »

.
” Sai una cosa? Certe persone non vogliono essere salvate. Perché la salvezza implica un cambiamento. E il cambiamento richiede uno sforzo maggiore dal restare uguali. Occorre coraggio per guardarsi allo specchio e vedere oltre il proprio riflesso. Per scoprire chi saresti dovuto diventare. La persona cancellata dagli eventi della tua infanzia. Eventi che hanno stravolto la traiettoria della tua vita. Trasformandoti in qualcosa di inimmaginabile o persino di incredibile. Dandoti il coraggio di abbracciare ciò che ti aspetta sin dalla nascita, perché è il tuo desiderio. E capire finalmente chi sei…”

Grant Morrison, “Batman”

Read Full Post »

catene

Esistono due vie per guadagnare la stima e l’affetto delle persone, il coraggio delle proprie azioni e l’onestà nel riconoscerne l’assenza. Solo la prima, però, ci da il pieno diritto ad apparire, a pretendere ascolto, soprattutto quando tale forza è impegnata nella più nobile delle imprese: la difesa della propria libertà.
Nessun espediente, per quanto geniale, può mai assegnarci questo privilegio; solo l’agire. E chiunque ci circondi, per quanto unito a noi, persino da legami di sangue, ha il sacrosanto dovere di rispettare questo nostro proposito. Ogni suo risentimento, confinato o meno entro i limiti di una composta richiesta di legittima comprensione, non può e non deve generare incessanti sensi di colpa.
Perché scrivo questo? Per dichiarare la mia profonda ammirazione e vicinanza a tante anime  che con le loro uniche forze hanno spezzato vincoli, hanno superato situazioni di perdurante disagio, hanno sconfitto ingiustizie ed oppressioni d’ogni genere, onorando un impegno assunto nei confronti della vita, l’unica e irripetibile. A queste persone aggiungo anche quelle in continua rivolta, che quotidianamente manifestano a viso aperto intenti di riscatto, prima fra tutte: arsenicaXXX.
Chiudo con un augurio molto particolare ad una persona. Poi verranno quelli diretti a voi.
Buon 2013!! Tommaso. Che si assottigli sempre più la distanza fra te e questi eroi silenziosi: tra la polvere e le stelle.

Tuo luporenna

Read Full Post »

To_Cla_Pa - 2

Se troverete parole giuste,

forza e coraggio per non voltarvi.

Se accetterete dure rinunce,

un darvi per vinte senza sconfitta.

Se cullerete sacre speranze,

la pura essenza, l’eterno amore.

Vi inseguirò,

pretenderò l’esame del DNA.

Read Full Post »

Se hai intenzione di provare, vai fino in fondo. Altrimenti non cominciare neanche.
Potrebbe voler dire perdere la ragazza, la moglie, i parenti, il lavoro, e forse anche la testa. Potrebbe voler dire non mangiare per tre, quattro giorni. Potrebbe voler dire gelare su una panchina del parco, potrebbe voler dire la prigione, potrebbe voler dire la derisione, lo scherno, l’isolamento. L’isolamento è il premio. Tutto il resto è un test di resistenza, per vedere fino a che punto sei veramente disposto a farlo. E tu lo farai. Nonostante i rifiuti e le peggiori probabilità di successo, e sarà meglio di qualunque cosa tu possa immaginare…
Se hai intenzione di provare, vai fino in fondo. Non c’è una sensazione al pari di questa. Sarai da solo con gli Dei, e il fuoco incendierà le tue notti. Cavalcherai la tua vita dritto verso una risata perfetta. È l’unica battaglia buona che ci sia.

 ( da ‘Factotum’ del 2005, regia di Bent Hamer )

 

Read Full Post »