Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Sigmund Freud’

Vescovo

“ Mi sento così rilassato oggi, così in pace con me stesso, soddisfatto e senza pensieri. Cos’ho che non va? “ (Woody Allen)

Partendo dal pensiero della mia saggia amica Antonella Ferraro sull’autoironia:
“ Molti sono portati a pensare che l’autoironia sia un segno di forza. In realtà, è esattamente l’opposto: è segno di fragilità, una specie di meccanismo di difesa. Un po’ come dire: “Me lo dico io, da solo, prima che me lo diciate voi “,
credo sia giunto il momento di spendere due parole su quest’atteggiamento, su questo modo di porsi, del quale, io personalmente, ne ho fatto la mia filosofia di vita.

Dalla rete (integrato dal sottoscritto) :

“ Ogni sublime umorismo comincia con la rinuncia dell’uomo a prendere sul serio la propria persona.” (Hermann Hesse)
In psicologia l’ironia e l’autoironia sono molto studiate come fenomeni relazionali, addirittura il padre della psicanalisi Sigmund Freud, ne “Il motto di spirito e la sua relazione con l’inconscio” , ha fatto uno studio sistematico su questo tipo di comunicazione.
L’ironia in generale è sempre stata vista in maniera negativa in quanto il linguaggio comunicativo deve essere chiaro e funzionale, mentre di base essa è un’ “inversione di senso”. In realtà la sua apparente contraddittorietà  ha uno scopo più profondo e relazionale che prescinde dalla chiarezza del linguaggio. L’autoironia mette in evidenza ciò che della persona è più celato. E’ un diverso tipo di comunicazione che si rivela essere efficace ad ottimizzare i rapporti interpersonali e può essere usata a scopi terapeutici. Fare autoironia significa ridere di se stessi con la piena consapevolezza della propria condizione di vita, dei propri limiti e della propria fragilità riuscendo a sdrammatizzare con un tipo di comunicazione che stimola umiltà, modestia e coraggio. Si può avere un uso diretto e cosciente dell’autoironia in diversi contesti ed in rapporto a determinate situazioni.
Sei tipi di autoironia :

  1. Autoironia come strumento positivo di coscienza di se stessi, nel caso in cui prendersi in giro è piena accettazione della propria condizione. In questo caso si riesce a rendere noto agli altri una propria debolezza, o difetto, sottolineando che ciò non costituisce motivo di sofferenza (Ironia socratica).
  2. Autoironia come strumento di punizione. In questo caso prendersi in giro è mettere in evidenza le proprie incapacità, i propri limiti, con lo scopo di autopunirsi. Il significato latente comunica una situazione di sofferenza.
  3. Autoironia come strumento salvafaccia per salvarsi dalla vergogna e da una situazione imbarazzante. Questo si identifica come l’uso più frequente di autoironia.
  4. Autoironia come strumento di conforto. In questo caso viene usata per ricevere conforto dal proprio interlocutore attraverso un processo di affiliazione.
  5. Autoironia come strumento scaramantico per sdrammatizzare l’eccessivo successo ottenuto, al fine di evitare l’eventuale negatività proveniente dall’invidia degli altri e dalla sorte.
  6. Autoironia come affermazione di giudizio autoreferenziale. In questo caso si utilizza per prendersi in giro prima che lo facciano gli altri. E’ una consapevole accettazione dei propri limiti, ma ha lo scopo di affermare che il soggetto è l’unico giudice di se stesso, al fine di evitare la critica e la censura da parte degli altri e del contesto sociale e culturale in cui vive.
Annunci

Read Full Post »

correre

“ Forse il mio senso morale rifiuta questi discorsi: eppure, in base alla mia esperienza e all’osservazione di me stesso e degli altri, sono arrivato alla persuasione che la sessualità è il centro di gravitazione intorno al quale ruota non solo la vita intima dell’individuo, ma anche tutta la vita sociale “.
Wilhelm Reich

E’ un pensiero assolutamente condivisibile, del quale sono stato sempre un convintissimo sostenitore, ancor prima che venissi a conoscenza della sua divulgazione su scala mondiale. Ma chi è il prestigioso autore che l’ha concepito?
Wilhelm Reich, nato nel 1897 e morto nel 1957, è stato un medico e psichiatra austriaco, uno dei più autorevoli allievi di Sigmund Freud, noto per le sue ricerche sul ruolo sociale della sessualità e per i suoi studi sul rapporto fra autoritarismo e repressione sessuale, nonché per la sua controversa teoria sulla cosiddetta “energia orgonica”.
Per le sue teorie sulla sessualità ed i suoi appelli pubblici per la liberazione dei costumi, Reich è passato unanimemente alla storia come il “profeta” della “rivoluzione sessuale”, quella che scosse l’Europa tra gli anni sessanta e gli anni settanta. (fonte Wikipedia).
Un suo studioso, Lodovico De Cesare, così ne sintetizza l’impegno:
“ Molti considerarono e continuano a considerare Reich un folle, uno psicopatico, ma anche se si volesse condannare l’uomo non si può distruggerne l’opera.
Punti fermi rimangono, nei suoi scritti, l’esaltazione della libertà sessuale e l’affermazione che la sua repressione costituisce la causa principale non soltanto delle turbe psichiche individuali ma dell’oppressione capitalista, dell’insorgere del fascismo, dell’autoritarismo stalinista, insomma la radice di ogni forma di tirannia.
Reich ebbe il merito di intuire e di sottolineare che il paziente, per guarire, avrebbe dovuto essere messo nelle condizioni di ottenere un abbandono completo nella fase dell’orgasmo.
Reich era un comunista, pur essendo divenuto nel corso degli anni un accanito pacifista non violento. Il suo il motto era « L’amore, il lavoro e la conoscenza sono le vere sorgenti della nostra vita» (come dargli torto) “ (da “Lo psicanalista senza divano”).
Di Reich, della sua vita, dei suoi lavori, si sono scritte pagine e pagine. Anche la sola sintesi richiederebbe un impegno, una competenza ed uno spazio non trascurabili. Ciò su cui intendo soffermarmi io, è un particolare aspetto di natura puramente scientifica.
Reich aveva intuito il ruolo fondamentale di alcuni neurotrasmettitori sull’equilibrio psichico di un individuo. Ad una forma di rilassamento fisico deve associarsi, secondo Reich, una forma di “liberazione mentale” mediante il rilascio a livello cerebrale di Endorfine. All’epoca il sistema più noto (e semplice) per produrre le endorfine era l’orgasmo: qui si fonda, a torto o a ragione, l’importanza che Reich dava all’orgasmo e di conseguenza alla “liberazione dei costumi sessuali” al fine di rendere l’uomo più libero e consapevole della propria sessualità e dei legami tra una “sessualità repressa” e l’insorgere di patologie psicofisiche.
Le Endorfine, giusto per chiarire, sono un gruppo di sostanze prodotte dal cervello nel lobo anteriore dell’Ipofisi, classificabili come neurotrasmettitori, dotate di proprietà analgesiche e fisiologiche simili a quelle della morfina e dell’oppio, ma con portata più ampia.
La comunità scientifica internazionale, successivamente, oltre a confermare la funzione primaria delle Endorfine, ha accertato anche l’incidenza positiva di altri ormoni neurotrasmettitori come la Prolattina, l’Ossitocina, la Dopamina e la Serotonina. Tutte sostanze prodotte durante l’attività sessuale.
Concludendo si può affermare che, senza scendere troppo nel dettaglio, per puntare al raggiungimento, o al semplice mantenimento, di uno stato di benessere psicofisico, di equilibrio, per rilassarsi, per scaricare le tensioni emotive e rendere più efficiente il sistema immunitario, l’unica via efficace risulta essere quella di liberare questi benedetti neurotrasmettitori. Dal momento, però, che qui su WordPress, come si evince da certe confessioni (lagnanze) non per tutti, ahimè!, risulta agevole far ricorso al metodo di produzione più efficace ed auspicabile, e soprattutto più piacevole: un appagante accoppiamento sessuale che vada ben oltre la semplice, sebbene sempre ben accetta, scopata, o il classico surrogato fai da te, ritengo doveroso informare i lettori, qualora ne fossero allo scuro, che l’esercizio fisico praticato con criterio, sortisce gli stessi benefici effetti. A tal proposito, sarebbe consigliabile il raggiungimento della soglia anaerobica o soglia del lattato: l’indice che determina il livello massimo di sforzo fisico che l’organismo può sostenere senza accumulare acido lattico e ioni idrogeno nel sangue e nei muscoli …. vabbè! Lasciamo perdere. Approfittiamo quindi dell’arrivo, sebbene stentato, della bella stagione e CORRIAMO!!
Reprimiamo le tensioni, piuttosto che i “malsani” propositi: basta con l’intolleranza, con l’eccessiva suscettibilità, con l’incazzarsi per nulla. Basta con le imprecazioni!! ECCHECCAZZO!!! … almeno fino al prossimo inverno.

Read Full Post »