Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘De Andrè’

L’Antologia di Spoon River è una raccolta di poesie che il poeta americano Edgar Lee Masters pubblicò tra il 1914 e il 1915 sul “Mirror” di St. Louis. Ogni poesia racconta, in forma di epitaffio, la vita di una delle persone sepolte nel cimitero di un piccolo paesino della provincia americana.
La prima edizione della raccolta pubblicata nell’aprile del 1915 contava 213 epigrafi diventati poi 244 più La Collina nella versione definitiva del 1916. La raccolta comprende diciannove storie che coinvolgono un totale di 248 personaggi che coprono praticamente tutte le categorie e i mestieri umani. Masters si proponeva di descrivere la vita umana raccontando le vicende di un microcosmo: il paesino di Spoon River.
In realtà, Masters si ispirò a personaggi veramente esistiti nei paesini di Lewistown e Petersburg, vicino a Springfield nell’Illinois e infatti molte delle persone a cui le poesie erano ispirate, che erano ancora vive, si sentirono offese nel vedere le loro faccende più segrete e private pubblicate in quelle poesie.
La caratteristica saliente dei personaggi di Edgar Lee Masters, infatti, è che essendo per la maggior parte morti non hanno più niente da perdere e quindi possono “raccontare” la loro vita in assoluta sincerità.
La prima volta che lessi alcune delle poesie della Spoon River Anthology fu a scopo didattico. Frequentavo la scuola media mi assegnarono il compito di commentarle. A dire il vero, non mi rimasero troppo impresse. Ero troppo giovane per apprezzarle e poi tutto ciò che mi veniva imposto a scuola suscitava raramente il mio interesse.
Dopo qualche anno, un po’ per moda, un po’ per curiosità, ne ripresi la lettura.
Di quella raccolta se ne parlava tantissimo in quel periodo. Ispirandosi ai suoi versi, ed alle magistrali traduzioni fatte da Fernanda Pivano, Fabrizio De Andrè incise un LP di grande successo: “Non al denaro, non all’amore né al cielo”.
A tal proposito, lo stesso ebbe a dichiarare in un’intervista: « Avrò avuto diciott’anni quando ho letto Spoon River. Mi era piaciuto, forse perché in quei personaggi trovavo qualcosa di me. Nel disco si parla di vizi e virtù: è chiaro che la virtù mi interessa di meno, perché non va migliorata. Invece il vizio lo si può migliorare: solo così un discorso può essere produttivo.»
Tornando a me, posso dire che la rilettura di questo autentico capolavoro cominciò un po’ ad emozionarmi. C’è da dire che quando si è giovani, euforici e spensierati, si tende istintivamente ad allontanare qualunque pensiero funesto e struggente (si gira alla larga dai cimiteri) e non si ha la sensibilità necessaria, tranne rari casi, per apprezzare certa lirica.
Adesso che  non sono né giovane, né euforico, né spensierato, posso dirvi che queste stupende poesie, evocative come poche, riescono a trasmettermi le sensazioni più disparate (e disperate): angoscia, nostalgia, tenerezza, dolcezza, odio, passione, amore…
Proporne qualcuna significherebbe fare un grave torto a tutte le altre, nonché una difficilissima scelta. Andrebbero lette tutte, ma non importa, ve ne offro due prese a caso … o quasi.

Walter Simmons

I miei genitori pensavano che sarei diventato
grande come Edison o più grande:
perché da ragazzo costruivo palloni
e aquiloni meravigliosi e giocattoli a molla
e piccole locomotive che correvano su rotaie
e telefoni di barattoli e filo.
Suonavo la cornetta e dipingevo,
modellavo la creta e recitai la parte
del cattivo in Octoroon.
Ma poi a ventun anni mi sposai
e dovevo vivere, e così, per vivere
imparai il mestiere dell’orologiaio
e avevo una gioielleria in piazza,
e pensavo, pensavo, pensavo, pensavo,-
non agli affari, ma alla macchina
che progettavo di costruire.
E tutta Spoon River aspettava impaziente
di vederla in funzione, ma non funzionò mai.
E qualche anima buona pensò che il mio genio
fosse in qualche modo impedito dal negozio.
Non era vero. La verità era questa:
non ero un genio.

Le Roy Goldman

«Che cosa farete in punto di morte,
se per tutta la vita avrete rifiutato Gesù,
e saprete a quel punto, che Lui non vi è amico?»
continuavo a ripetere io, il predicatore.
D’accordo! Ma ci sono amici e amici.
E benedetto tu sia, dico io, ora che so tutto,
tu che hai perduto, prima della morte,
il padre o la madre, o  il vecchio nonno o la nonna,
un’ anima bella che visse con forza la vita,
e ti conobbe a fondo, e ti amò sempre,
e non mancherà di parlare per te,
e fare a Dio un ritratto approfondito della tua anima,
come solo può fare chi è della tua carne.
Quella è la mano cui la tua mano tenderà,
perché ti conduca lungo il corridoio
fino al tribunale dove nessuno ti conosce!

Annunci

Read Full Post »