Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Autostima’

Ralph

In anni di letture spicce e approfondite sull’argomento dell’autostima, da persona insicura, poco equilibrata e soprattutto impietosa nei propri confronti, quale sono, mi è capitato di leggere aforismi e citazioni d’ogni genere, tratte da saggi, prontuari, manuali, guide, testi e chi più ne ha più ne metta, ma raramente sono rimasto colpito da pensieri originali, che non cadessero nella retorica e nella banalità, come questi che vi propongo, ad esempio, di Ralph Waldo Emerson, estratti da “Fiducia in se stessi” … appunto!!

“ È facile, nel mondo, vivere secondo l’opinione del mondo. E’ facile, in solitudine, vivere secondo noi stessi; ma l’uomo grande è colui che in mezzo alla folla conserva con perfetta serenità l’indipendenza della solitudine. “

“ Ognuno dovrebbe imparare a scoprire e a tener d’occhio quel barlume di luce che gli guizza dentro la mente più che lo scintillio del firmamento dei bardi e dei sapienti. E invece ognuno dismette, senza dargli importanza, il suo pensiero, proprio perché è il suo. E intanto, in ogni opera di genio riconosciamo i nostri propri pensieri rigettati. Ritornano a noi ammantati di una maestà che altri hanno saputo dar loro. “

“ Quali graziosi oracoli ci offre la natura nel viso e nel comportamento di fanciulli, di infanti e perfino di animali! Essi non hanno mai quell’umore d’incertezza e riluttanza, quella sfiducia che s’impossessa di noi solo perché la nostra aritmetica ha calcolato le forze e i mezzi che si oppongono ad un nostro proposito. ”

“ Una stupida coerenza è l’ossessione di piccole menti, adorata da piccoli uomini politici, filosofi e teologi. Con la coerenza una grande anima non ha, semplicemente, nulla a che fare. Tanto varrebbe che si occupasse della sua ombra sul muro. Dite quello che pensate ora con parole dure, e dite domani quello che il domani penserà con parole altrettanto dure, per quanto ciò possa essere in contraddizione con qualunque cosa abbiate detto oggi.”

“ Appare meritorio il leggere, ma non congedare con leggerezza la convinzione stampata nel tuo petto che lo stupido pensiero più trascurato, l’emozione spontanea meno significativa che ti appartiene è per te molto di più delle biblioteche.”

Read Full Post »

hermann-hesse

“ C’è una virtù che amo molto, l’unica. Essa ha nome tenacia.
Delle molte virtù di cui leggiamo nei libri e di cui sentiamo parlare i maestri non so che farmene. E, d’altro canto, tutte le molte virtù che l’uomo si è inventato potrebbero essere raccolte sotto un’unica denominazione. Virtù significa obbedienza. Solo che c’è da chiedersi a chi si obbedisce. Anche la tenacia, infatti, è obbedienza. Ma tutte le altre virtù, tanto amate e lodate, sono obbedienza a leggi che sono state imposte da uomini; soltanto la tenacia non si inchina a queste leggi. Chi è tenace obbedisce infatti a un’altra legge, una legge particolare, assoluta, sacra, la legge che ha in se stesso, il “tenere a se stesso”. “
Hermann Hesse, “Il coraggio di ogni giorno”

Di me non saresti orgoglioso, Herr Hesse, perché io sono un ossimoro: remissivamente tenace.
Quanti di voi lo sono? Quanti perseguono un ideale con incessante ostinazione solo ed esclusivamente col pensiero? Quanti rimangono interdetti nel momento di agire: pietrificati? Questo non tanto per l’immaterialità del traguardo, la sua irraggiungibilità, bensì per l’aberrante inconscio meccanismo che fa apparire riprovevole qualunque aspirazione.
La soluzione consisterebbe in una resa dignitosa e consapevole. Ma un uomo tenace non consegna le armi, esattamente come chi è docile: colui che le armi non l’ha mai possedute

Read Full Post »