Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Attesa’

scala

Sii sempre curioso, è il primo passo. Per il secondo occorre un minimo di sforzo: prendi la scala. Appoggiala contro il muro. Qui viene il difficile: osare l’avventura, uscire dal proprio recinto. Reggerà la scala? Non mi romperò l’osso del collo come zia Giuseppina? Lascia perdere la zia Giuseppina e sali sul primo piolo. Traballa un po’, sì, ma non è successo niente. Stai diritto e sorridi. Non sei un gambero sei un essere umano, muovi quel sederone e sali un altro paio di gradini!
Bravo, ora sei a metà, la maggioranza a questo punto esita e comincia a barcollare, frigna, poi scende (qualcuno precipita gridando mamma!) ma tu non sei la maggioranza, sei unico, irripetibile, diverso da ogni altra forma di vita, quindi completa l’opera. Vai!
Oooh, sei in cima, ce l’hai fatta, non era poi così difficile! Adesso dai un’occhiata più vasta possibile, da farci entrare tutto il mondo dentro. Così com’è, non c’è nulla da cambiare, tutto è bene, credimi, inspira profondamente, colmati lo sguardo fino a scoppiare di bellezza.
Come “cos’è?” È la vita, la tua. Guarda che panorama! Il mondo non è mai stato così meraviglioso come oggi, vero? Che differenza con lo sbattere la testa al muro. Era il tuo muro, d’accordo, ma non ti senti un po’ meglio, adesso? Sì, questa è davvero la tua giornata straordinaria. No? Ti senti solo? Sperduto? Abbandonato? Ce l’hai una bocca per parlare o no? Allora usala! Coraggio, ti aiuto io, chiediamolo insieme: «Iuuu!! c’è qualcuno qui?» Adesso sta a vedere, fidati, prima o poi arrivano, arrivano sempre, è matematico. C’è un sacco di gente curiosa quanto te. Hanno fantasie straordinarie e sogni da vendere. E non cercano di meglio che un compagno di viaggio sorridente e gentile che gli permetta di fare come vogliono, così come lo permetteranno a te. Perché tu vuoi amici del genere, vero? Liberi e straordinari. Chi sarà il primo? O la prima? Fidati, non c’è niente di più delizioso dell’attesa …Ancora niente?… Senti risatine nei cespugli? Bene, quindi qualcuno è già arrivato, se ride fregatene e ridi pure tu, ti prendono in giro perché sono più timidi di te.
«Iuuuuu!!» Bravo, così, più forte…
«IUUUUU!! C’È QUALCUNO QUI?»
Oooh, così mi piaci, semplice, forte e chiaro.
E domani, invece della scala, porta il piccone.
I muri vanno abbattuti, tutti.

Diego Cugia, “Jack folla”

Read Full Post »

pianfi

Dal buio d’un relitto
piangi un refrain:
stanche risacche.
Non offrirò una pena
ai tuoi rimpianti,
solo un pensiero.
Ho atteso dieci lune
il tuo ritorno.
E dieci a ancora dieci:
il tuo peregrinare.
Mi guardi, mi sfiori,
sospingi il mio pianto,
m’inondi del tuo,
invochi clemenza.
Ma il melo è più alto,
la gatta è già mamma,
il ruscello è ormai secco
e Marta va a scuola.

Read Full Post »

Il silenzio

Il silenzio è un padre d’altri tempi.
Si impone con la sua presenza autorevole,
molto più del rumore.
Può calare a motivo di una grande ammirazione
o di una lunga attesa.
E sa essere senza pietà,
quando non rimane più nulla da dire.

(Paola Felice)

Read Full Post »