Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Divulgazioni pseudoscientifiche’ Category

Girando qua e la tra i blog di wordpress, assolutamente alla luce del sole, mi sono imbattuto in storielle erotiche nelle quali vengono descritti incontri piccantissimi in modo molto esplicito. Si tratta di brevi racconti, alcuni sembrano ispirati da episodi reali. In ogni caso nulla è lasciato all’immaginazione. Si spazia senza alcuna reticenza da descrizioni di organi sessuali maschili e femminili che nulla hanno da invidiare ad un referto autoptico, ad esposizioni di contatti di ogni genere, fotogramma per fotogramma. Il più delle volte si usano termini molto scandalosi, comunemente osceni, tranne che per il sottoscritto, ovviamente.
Relativamente alle varie forme d’accoppiamento, l’intera collezione viene narrata ed approfondita con dovizia di particolari, tranne una pratica, della quale stranamente si fa cenno una sola volta, tra l’altro, riferendosi alle fantasie notturne di un uomo. Si tratta di un esercizio sessuale alternativo, una variante richiesta quasi esclusivamente dai maschi; non da tutti, ovviamente.
Questa cosa mi sembra un po’ una limitazione, trattandosi di interpreti molto intraprendenti, disinibiti, soprattutto aperti, al limite della depravazione. Che sia forse una forma di condizionamento innato, di garbo spropositato, dal momento che l’intera materia letteraria appena citata è solo ed esclusivamente frutto dell’inventiva, o dote narrativa, come preferite, di autrici femminili? Proprio così. Oltretutto seguite da un discreta schiera di estimatrici.
Io personalmente, in merito all’argomento, che attira la mia attenzione ne più e ne meno di un qualunque altro tema antropologico, ho sempre avuto istintivamente la convinzione che la sua trattazione fosse una prerogativa dei maschi, per l’ardore e la familiarità che mostrano nel rappresentare certi immagini, per cui mi sorprende un po’ tanta disinvoltura da parte delle donne.
Ci tengo a precisare che questa nota non costituisce assolutamente una critica, ci mancherebbe. Ben venga l’approfondimento di qualunque argomento da parte delle donne, senza alcuna censura o limitazione. Io ammiro profondamente il vostro estro, la vostra versatilità, il vostro stile, la vostra spontaneità. Ho solo da imparare da voi. Io intendo solo sollevare una piccola perplessità.
Innanzitutto va fatto un distinguo tra storie e storie. Io faccio esclusivamente riferimento a quelle vicende erotiche più disinibite e provocanti, dove è manifesta l’intenzione di coinvolgere il lettore senza farsi sfuggire nulla … o quasi.
Riferito alle autrici, io credo che voi abbiate spontaneamente omesso un dettaglio, non per una forma di pudore, ma perché statisticamente rientra malvolentieri nel vostro repertorio onirico, rendendo incompiute alcune scene orgiastiche. Avete descritto un bel banchetto con tanto di antipasto, primo, secondo, contorno, frutta, dolce, caffè, a quel punto metteteci pure un po’ di amaro … che ne pensate? Non che io me ne intenda, eh! Questo va chiarito, innanzitutto perché sono una persona facilmente identificabile, nonché segnalabile alle forze dell’ordine. La questione è che nel narrare un qualunque avvenimento, anche scabroso, bisognerebbe sforzarsi di entrare nella psicologia dei personaggi, maschi o femmine che siano. D’immaginare le loro fantasie in funzione delle loro diversità, in una forma neutra, imparziale.
Faccio un esempio: paragoniamo un incontro intimo tra due o più persone ad una partita di calcio, una particolarmente combattuta, un derby. Supponiamo che voi siate chiamate a svolgerne la cronaca. Voi pensate sia professionalmente accettabile, parlare, tra le trame, di aperture, entrate, inserimenti, penetrazioni, sfondamenti, simulazioni, palle alte, palle contese, primo palo, secondo palo, fallo laterale, ed omettere, per preconcetta antipatia, uno dei contatti più frequenti: il fallo da dietro?

Basta!! Mi fermo qui, non vado oltre, non voglio rischiare un’accusa di eccessiva dietrologia.

Annunci

Read Full Post »

Le crisi segnano le tappe fondamentali dell’esistenza umana in special modo per quegli individui in continua evoluzione: un po’ instabili.
Il passaggio da una fase all’altra della vita, da uno stato all’altro, transizioni segnate da un qualunque mutamento sostanziale, dall’esaurimento di una fase propulsiva, sono sempre caratterizzate da un momento centrale nel quale non si hanno più le certezze del passato. I convincimenti più o meno consolidati si rimuovono o si modificano, sia perché non più accettati sia perché ormai raggiunti ed esauriti.
Ad aggravare la situazione contribuisce spesso la mancanza di definizione di ciò che si vorrebbe creare in alternativa. Probabilmente perché non ancora concepito o perché abbozzato solo in forma astratta. Ci si accorge soltanto che così non va, ma non si sa bene ciò che si desidererebbe realizzare.
Tale condizione provoca un’instabilità emotiva che rappresenta un po’ la terra di nessuno. Questo stato si definisce crisi, ed ho buone ragioni di credere che diversi blogger che operano su questa piattaforma WordPress ne siano affetti, me compreso.
E’ un momento in cui si hanno tutti i pezzi smontati e si devono rimontare aggiungendo del nuovo, una fase in cui gli eccessi si notano, tutto è amplificato: grande è la gioia, grande è il dolore, grande la fatica, grande anche la creatività.
A questo stato generalmente si accompagna un disordine emotivo, un caos che è generato da una vulnerabilità interiore.
Per spiegare questa condizione alcuni esperti ricorrono all’immagine del corpo di armata, ovvero un esercito guidato da un generale ipervulnerabile, pervaso da timori ed incertezze.
A causa del caos determinato dalla successione convulsa di ordini e contrordini, compagnie, battaglioni, plotoni si incrociano in tutti i sensi, e quando il disordine è al massimo, presa dal panico, l’armata non opera più: i soldati gettano le armi e cercano scampo abbandonando il generale al suo destino. In queste condizioni, nei casi più accentuati, si rischia la depressione.
Il quadro sintomatologico che tipicamente si accompagna comprende: inerzia, apatia, abulia, bradicardia e, come indicato nel titolo, ipotensione diastolica.
Cos’è l’ipotensione diastolica? E’ la pressione minima troppo bassa (inferiore a 60 mmHg, millimetri di mercurio).
A questo punto mi sento di fare una prima affermazione, rivolgendomi alle persone che sentono d’appartenere ai soggetti in esame, e cioè che per uscirne spesso non è sufficiente la consapevolezza della propria condizione, anche se importante.
Quando lo stato d’instabilità persiste per troppo tempo e non lascia intravvedere alcuna via d’uscita, sarebbe meglio rivolgersi ad uno specialista (grazie al ca…volo, aggiungerebbe qualcuno), prima che lo scorrere degli anni ci privi, inesorabilmente, di ogni residua risorsa.
Se invece pensiamo, in modo lucido e razionale, che qualunque soluzione terapeutica ci venga suggerita non potrà mai oggettivamente rimuovere i macigni che ci opprimono in questo preciso istante della vostra vita, a causa di qualche condizionamento transitorio, (un compito che spetta solo ed esclusivamente a noi stessi): SCRIVIAMO!! SCRIVIAMO!! SCRIVIAMO!! E confrontiamoci, raccontiamo le nostre esperienze, o più semplicemente: tutto ciò che ci passa per la testa, con enorme rispetto verso le persone che ci contattano, che lasciano un commento, che ci stimano.
A me procura grande conforto e credo che lo stesso sollievo possa procurarlo anche a voi.
Perché quest’articolo? A chi è rivolto?
E’ un semplice incitamento che rivolgo innanzitutto a me e a tutti quelli che spesso si lasciano sopraffare dall’apatia, tenendo presente che da un fruttuoso scambio di riflessioni, d’esperienze, di propositi, non è escluso che possano nascere degli interessanti spunti di valutazione, degli stimoli, delle idee, delle aperture a volte anche risolutive … perché no!

Read Full Post »

Il sesso parte 1 – le origini

Siamo prodotti della libido (by luporenna)

Raccolgo la proposta dell’amica Melodiestonate di scrivere insieme un articolo sul sesso, nonostante rappresenti un argomento un po’ ostico per me. Più che altro: poco esplorato.
Lo faccio pubblicando un mio studio già presentato qualche anno fa e che si avvale di reali e documentate ricerche scientifiche.
Faccio una premessa. E’ una mia consuetudine, nel comprendere a fondo e trattare qualunque argomento, di risalire alle sue origini. Per esempio, se devo capire il funzionamento delle eliche delle navi, non mi soffermo su delle semplici spiegazioni tecniche, io risalgo all’età del bronzo, tempo permettendo.
Comunque, questa storia del giramento di eliche, meglio ancora: del giramento di pale, non l’ho introdotta a caso. Riferita alla mia persona, e credo anche alla collega Melodiestonate, costituisce un fenomeno che si attiva spontaneamente, anche più volte al giorno. E non so più a cosa risalire per comprenderne le cause.

Veniamo all’argomento.
Sapere cos’è un gorilla? E’ un primate antropomorfo, il più grande primate della terra. Il gorilla si suddivide in due specie: gorilla delle pianure (gorilla gorilla) e gorilla delle montagne (gorilla beringei); il famoso Silver Back tanto caro a Dian Fossey.
L’uomo condivide con quest’animale, gran parte del proprio patrimonio genetico. La differenza è davvero minima. E’ presente unicamente a livello di “Famiglia”, come si osserva dal prospetto seguente, stilato secondo i livelli gerarchici della classificazione tassonomica:

Regno: Animali (Uomo e Gorilla)
Tipo: Cordati (Uomo e Gorilla)
Sottotipo: Vertebrati (Uomo e Gorilla)
Classe: Mammiferi (Uomo e Gorilla)
Ordine: Primati (Uomo e Gorilla)
Sottordine: Ominoidei (Uomo e Gorilla)
Famiglia 1: Ominidi (Uomo “Homo sapiens”)
Famiglia 2: Pongidi (Gorilla “Gorilla gorilla” – Scimpanzè “Pan troglodytes” – Bonobo “Pan paniscus”)

 Detto ciò, sapete qual’è la dimensione media del pene in posizione eretta di questa bestia da due metri per due quintali? (per posizione eretta intendo quella dell’appendice) Circa 8 cm; misura sufficiente a garantirgli la riproduzione e, a differenza dell’uomo, nessun altro impiego improprio.
Ora, considerato che il suo naturale alloggiamento, la sua dimora, riferito sempre al pene, ovvero il dotto vaginale della femmina di gorilla, è di dimensioni pressoché simili a quello della donna, perché il membro maschile dell’uomo si attesta esattamente su una misura doppia? Perche questa sproporzione?
Sproporzione relativa, ovviamente. Per talune rappresentanti del gentil sesso, affette da “bulimia sessuale” sproporzionato è un aggettivo inadatto riferito a certe misure. Si può parlare di adeguatezza del termine solo se si fa riferimento alle specie bovine o equine, pony esclusi.
Comunque, per trovare la risposta al primo quesito dobbiamo tornare indietro a circa 3,2 milioni di anni fa; la datazione certa dell’Australopithecus afarensis denominato Lucy, la nostra prima ufficiale antenata, anche se da ritrovamenti successivi e da studi del DNA, è ormai appurato che la separazione tra le scimmie antropomorfe e i primi ominidi è avvenuta circa 5 milioni di anni fa.
Immaginiamo la giornata tipo di Lucy. Esonerata dagli impegni ordinari della donna moderna. Una volta spazzata la caverna, cucinata una costoletta di mammut, messi a dormire i pargoletti in qualche anfratto roccioso, che cavolo aveva da fare se non concentrarsi su certe ludiche attività? Senza, tra l’altro, alcun vincolo indotto dal rispetto della fedeltà coniugale. Che cosa volete che ne capissero quelli del matrimonio (beati loro…)
Continuando, tutti sanno benissimo che tra il maschio e la femmina chi cattura è la donna, e questo è valso soprattutto per Lucy, non in senso figurato, nel suo caso, consentendole di irretire a suo piacimento, con clave o mezzi di fortuna, qualunque cavernicolo dotato che le capitasse a tiro.
Cos’ha prodotto questa scelta mirata, questa ricerca libidinosa di una maggiore gagliardia di un certo organo e di una maggiore “profondità” nel rapporto, con la conseguente disponibilità di una più numerosa varietà di posizioni d’accoppiamento? Una bella ed inevitabile: SELEZIONE. Sostanziale e determinante, aggiungo.
Per migliaia di anni, quindi, Lucy e sue le focose discendenti, hanno determinato una modificazione anatomica del maschio costringendo all’estinzione i normodotati del tempo.
Per fortuna, ad un certo punto, trovata una conformazione standard, più o meno sufficiente a garantire delle performance soddisfacenti, le nostre progenitrici si sono date una calmata. A tutto c’è un limite.
Grande gratitudine dobbiamo noi maschietti a queste “giudiziose” antenate. Se il trend fosse continuato in modo scriteriato, al giorno d’oggi saremmo stati costretti a trascinarci dietro dei veri e propri attrezzi da scasso.
Qui si potrebbe aprire una discussione su quanto sia cambiata la moralità della donna nel corso della storia, dati certi pregiudizievoli trascorsi, e di quanto abbia inciso e quanto incida tuttora la libido nei suoi aspetti comportamentali. Con questo non intendo assolutamente assolvere i maschi, sia contemporanei che antenati. Relativamente a quest’ultimi, se la donna costituisce l’unico esempio di mammifero che possiede i lobuli ed il tessuto adiposo delle ghiandole mammarie di dimensioni e quantità spropositate, nonché le stesse mammelle esterne costantemente protese, non solo durante la fase pre e post gestazionale, una certa responsabilità emerge. Per fortuna le protesi siliconiche sono state introdotte solo alcuni decenni dopo, altrimenti, per quei trogloditi, sai che abbagli. Altro che selezione naturale.

Il sesso parte 2 – la chimica

“La donna sceglie l’uomo, che poi la sceglierà!” (by Melodiestonate)

Nel mondo animale, tutto dipende dal “feromone”, ovvero la “sostanza secreta da un individuo e recepita da un altro, capace di scatenare in quest’ultimo una reazione eccitante”
Tra gli esseri umani esiste una piccolissima percentuale di persone che hanno sviluppato un olfatto più sensibile e che quindi hanno percezioni, sia piacevoli che spiacevoli, molto più intense. Questo è frutto di emozioni inconsapevoli legate ad esperienze passate.
Le prime relazioni madre-bambino e padre-bambino si creano, infatti, proprio attraverso l’odore, tanto che il neonato riconosce i genitori “annusandoli” fin dai primi giorni di vita.
Per quale motivo il maschio appare più interessato al sesso rispetto alle femmine e cosa rappresenta veramente il sesso per questo?
La ragione è che l’impulso sessuale maschile è più forte perché l’area del cervello, in cui gli ormoni stimolano il desiderio sessuale, è più grande rispetto a quello delle femmine.
Per l’uomo il sesso, data la sua elevata importanza, è un metodo efficace per mettere da parte molti problemi. Egli tende a concentrarsi su questa attività piuttosto che sui suoi grattacapi.
Un’alta caratteristica tipica del mondo maschile è lo spirito di competizione e l’ansia da prestazione. Il maschio, rispetto alla femmina, ovviamente non può simulare, e poi, culturalmente, ci si attende di più da lui. A l’uomo spetta l’iniziativa, la parte più attiva nel rapporto, e questo determina, di conseguenza, una  maggiore responsabilità nella riuscita dell’atto.
Per le donne la maternità e la bellezza assumono un rilievo importante. Una donna accetta anche un seno “al silicone”, se questo può contribuire all’accrescimento della propria autostima.
A volte mi torna in mente questa frase: “come la donna ha bisogno di amore per aprirsi al sesso, l’uomo ha bisogno di sesso per aprirsi all’amore. – John Gray – Marte e Venere in camera da letto”
Penso che il sesso sia paragonabile ad un videogioco. Con ogni nuova/o compagna/o è come se si giocasse una nuova partita. Il primo livello, (l’innamoramento) è sempre molto eccitante, di bello c’è la novità, la conoscenza ma quando si è esplorato il tutto, si giunge inevitabilmente ad un bivio. Le alternative sono, o cambiare videogioco, per superare la noia, o passare al secondo livello, quello più profondo, (l’amore).
Un rapporto di coppia maturo è tale quando c’è condivisione sin dall’inizio di momenti felici e meno felici. Quando si sono combattute per diversi anni le avversità della vita, nella stessa trincea. Si tratta di un capitale che sarebbe un peccato sprecare. A tale scopo, se usato al meglio, il sesso si rivela un mezzo molto efficace per rendere più profonda qualunque relazione, l’importante è che entrambi i partecipanti siano motivati a farlo. Non sempre buttare il vecchio videogioco per uno nuovo si rivela un affare.

Ma solo provando (sono luporenna a parlare) se ne può avere il riscontro.

 

Read Full Post »

« Newer Posts