Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 5 marzo 2015

Girasoli2

Ecco dov`erano finiti i Girasoli di Van Gogh (una delle due versioni gemelle): dopo piu` di 500 tarocchi finalmente ho trovato l`originale, e non solo lui, alla National Gallery c’e` di tutto, dal 1200 in poi. Un’esposizione strabiliante, infinita, inestimabile. Davanti alla Vergine delle Rocce di Leonardo (la seconda versione, la prima e` Parigi) ho avvertito i sintomi della sindrome di Stendhal: totalmente rapito.
Per non farmi mancare niente, dopo mi sono trasferito al British Museum. Evvabbe`!! Che ve lo dico a fare. Qui si partiva da oltre il 10.000 A.C. Tutte le civilta` del mondo. Addirittura due sale dedicate agli Etruschi e altre due alla cultura Greca in Italia. L’ala dedicata agli Egizi e` stupefacente. Il pensiero, di fronte alle opere deglli Assiri, non poteva non andare allo scempio inaudito che stanno compiendo le belve dell`ISIS, anche se, a parte il Toro Alato – sicuramente originale – pare che abbiano distrutto solo copie in gesso: mica fessi!
All`uscita dal Museo sono stato colto dalla sindrome di McDonald’s.

Read Full Post »

IMG_20150301_164005

Non so cosa ne pensate voi delle funzioni festive officiate col rito anglicano – roba da tutti i giorni – ma io le trovo particolarmente festose gioiose, informali, molto piu` partecipative: si suona, si canta, con tanto di schermo per il karaoke. La messa e` imperniata, fondamentalmente – se non quasi esclusivamente – sulla lettura del vangelo. Il vicario – non un semplice pastore, nel mio caso – ne ha letto un passo e poi ne e` seguito un lungo, appassionato e seguitissimo sermone, dal tono per nulla soporifero (la prima messa senza nenache una gomitata).
Avrei preferito comprenderne ogni singola parola in tempo reale – la testimonianza diretta di esperienze quotidiane vissute con moglie e figli – e non attraverso la traduzione a posteriori di mio fratello. Spero che non lo venga a sapere la direzione dell`AnsaldoBreda per tutti i soldi spesi per degli inutili corsi d’inglese.
La gita fuori porta e` continuata con una puntatina nel Surrey, una contea a sud-est di Londra, dove ci attendevano, per il pranzo, i parenti – acquisiti e benestanti – di mio fratello. La tentazione di spacciarmi per sordomuto e` stata enorme. Li ho assaporato la casa dei miei sogni: un cottage gigantesco, circondato da ettari di prati, piante secolari e corsi d’acqua, confinante con un campo da golf ed un maneggio … e poi scoiattoli, germani reali, persino cervi.
A distanza di giorni ho ancora ho impressi negli occhi le sale, le finestre, i pavimenti, gli arredi, i quadri, i cessi di quell’enorme baita, ma soprattutto la sobrieta`, la cordialita` e l’indulgenza dei suoi abitanti: mi hanno fatto sentire come uno  di loro: una persona quasi normale….

Read Full Post »