Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 13 gennaio 2015

profeta_isaia

«Qualora si trovi in mezzo a te, in una delle città che il Signore tuo Dio sta per darti, un uomo o una donna che faccia ciò che è male agli occhi del Signore tuo Dio, trasgredendo la sua alleanza, e che vada e serva altri dei e si prostri davanti a loro [….] farai condurre alle porte della tua città quell’uomo o quella donna che avrà commesso quell’azione cattiva e lapiderai quell’uomo o quella donna, così che muoia.» “Deuteronomio, 17, 2 – 5”.

e ancora: «Non vi farete idoli, non vi eleverete immagini scolpite né statue, e non collocherete nel vostro paese alcuna pietra ornata di figure, per prostrarvi davanti ad essa; poiché io sono l’Eterno, l’Iddio vostro [….] Se vi conducete secondo le mie leggi, se osservate i miei comandamenti e li mettete in pratica, io vi darò le piogge nella loro stagione, la terra darà i suoi prodotti, e gli alberi della campagna daranno i loro frutti [.…] Ma se non mi date ascolto e se non mettete in pratica tutti questi comandamenti, se disprezzate le mie leggi e l’anima vostra disdegna le mie prescrizioni in guisa che non mettiate in pratica tutti i miei comandamenti e rompiate il mio patto, ecco quel che vi farò a mia volta: manderò contro voi il terrore, la consunzione e la febbre, che vi faranno venir meno gli occhi e languir l’anima, e seminerete invano la vostra sementa: la mangeranno i vostri nemici [….] E se, nonostante tutto questo, non volete darmi ascolto ma con la vostra condotta mi resistete, anch’io vi resisterò con furore, e vi castigherò sette volte di più per i vostri peccati. Mangerete la carne dei vostri figliuoli, e mangerete la carne delle vostre figliuole. Io devasterò i vostri alti luoghi, distruggerò le vostre statue consacrate al sole, metterò i vostri cadaveri sui cadaveri dei vostri idoli, e l’anima mia vi aborrirà.[….] Tali sono gli statuti, le prescrizioni e le leggi che l’Eterno stabilì fra sé e i figliuoli d’Israele, sul monte Sinai, per mezzo di Mosè.» “Levitico 26”

Sono versi della Torah ebraica e della Bibbia cristiana implicitamente ratificati nel Nuovo Testamento da seguente passo di Paolo: “Tutti quelli che si basano sulle opere della legge sono sotto maledizione. E’ scritto infatti: «Maledetto chiunque non rimane fedele a tutte le cose scritte nel libro della Legge per praticarle» – “Nuovo Testamento – Lettera ai Galati 3: 10”).
A questo punto mi chiedo: come mai non mi è mai giunta notizia, in tempi moderni, di un solo fedele professante la religione cristiana o ebraica, che per interesse, oppure semplicemente per fanatismo, ignoranza, ottusità, si sia sentito legittimato ad attenersi rigidamente ai suddetti precetti – così come, purtroppo, è accaduto, in alcuni casi, nel corso dei secoli – senza applicare il benché minimo e opportuno criterio d’interpretazione, sia contestuale dei suddetti passaggi che sommaria degli interi testi sacri, nonostante le innumerevoli apparenti contraddizioni in essi comprese?
E’ tutto effetto della modernità? Forse si! Forse tutti noi, col tempo, abbiamo preso coscienza di tante cose, e fra queste, che i profeti erano pur sempre degli umani; umani che senza remissivi proseliti, prima o poi si sarebbero estinti, ma soprattutto che il disegno di Dio non punta di certo all’estinzione dell’uomo – perché di estinzione col tempo si tratterebbe, se tutti i fedeli – o anche solo dei gruppi sparuti – di tutte le religioni monoteiste, si attenessero scriteriatamente a qualsiasi prescrizione, comprese le seguenti:

«Non sceglietevi amici tra loro (i miscredenti), finché non emigrano per la causa di Allah. Ma se vi volgono le spalle, allora afferrateli e uccideteli ovunque li troviate.» “Sura IV, 89”

«Combatteteli finché non ci sia più politeismo, e la religione sia tutta per Allah.» “Sura VIII, 39”

«Combattete coloro che non credono in Allah e nell’Ultimo Giorno, che non vietano quello che Allah e il Suo Messaggero hanno vietato, e quelli, tra la gente della Scrittura, che non scelgono la religione della verità, finché non versino umilmente il tributo, e siano soggiogati.» “Sura IX, 29”

Read Full Post »