Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 3 gennaio 2014

foto-alba-parietti

Il suo viso mi colpisce. E’ incredibilmente curato. In realtà si dice “è una donna curata”. Come se l’aggettivo “curata” racchiudesse in sé chissà quale significato. A scuola le ragazze così le chiamiamo figlie di dottori, anche se il padre non è un medico. Non so come facciano, ma sembra che siano sempre più pulite delle altre. Non c’è una parte del loro corpo che non sia levigata e profumata. Studiano ogni minimo dettaglio.
Le donne curate hanno capelli, unghie, labbra, piedi, viso, pelle e mani trattati in modi particolari: tinti, allungati, truccati, esfoliati, tirati, depilati, unti di crema. Ma ciò di cui non si rendono conto è che più si preoccupano di tutti quei particolari, più si trasformano in manichini semoventi. Se ne stanno lì sedute, senza muovere un muscolo, rigide e contratte, perché la loro unica preoccupazione è di non rovinare il lavoro fatto. Nessuno osa spettinare o tanto meno scopare queste donne. Tutto ciò che è considerato sexy, come i capelli spettinati, le spalline che cadono o le gocce di sudore sul viso, dà sì un’idea di disordine, ma è anche invitante.
Charlotte Roche, “Zone umide”

Read Full Post »