Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 13 novembre 2013

Moebius

Il progresso scientifico, si sa, è frutto esclusivo dell’ingegno di menti illuminate e illuminanti. Scienziati che con il loro impegno, il loro intuito, le loro invenzioni, le loro scoperte, hanno contribuito in modo terminante ad accelerare il processo evolutivo dell’uomo, facendo luce su qualsiasi fenomeno che governa il mondo intero.
Una di queste menti, alla quale ogni singolo uomo dovrebbe essere grato per l’indiscusso contributo che ha apportato, nel caso specifico, nella comprensione e divulgazione dei meccanismi fisiologici che determinano le differenze comportamentali tra maschi e femmine della specie umana, è Paul Julius Möbius.
Questo illustre scrittore, neurologo e psichiatra tedesco, in una forma chiara, accattivante e convincente, ha esposto i suoi studi e le sue teorie in un saggio ritenuto unanimemente un’autentica pietra miliare tra i trattati scientifici socioculturali di tutti i tempi.
Möbius, in quest’opera concepita agli inizi del novecento, con impressionante lungimiranza, ha anche correttamente indicato le linee guida, di carattere formativo e organizzativo, alle quali sarebbe opportuno che si attengano, tutti i governanti della terra e chiunque, nel suo piccolo, abbia a cuore il destino dell’universo.
L’opera in oggetto è “L’inferiorità mentale della donna”. Ve ne propongo alcuni passaggi, tra i più significativi e, soprattutto, condivisibili:
« La deficienza mentale della donne non solo esiste ma è necessaria. Se noi vogliamo una donna, la quale sappia adempiere bene al suo compito materno, è necessario ch’essa non abbia un cervello mascolino. Le esaltate modern-style partoriscono male e sono pessime madri. Proporzionalmente alla diffusione della civilizzazione, diminuisce la procreazione. Quanto migliori divengono le scuole, tanto peggiori diventano i puerperi e tanto più scarsa si fa la secrezione del latte, insomma tanto più inadatte alla loro funzione diventano le donne. »
« Resta completamente dimostrato che nella donna, sono meno sviluppate che nell’uomo, porzioni del cervello, le quali sono della massima importanza per la vita psichica, quali le circonvoluzioni del lobo frontale e temporale, e che questa differenza esiste fin dalla nascita.»
« Non appena un uomo imprende un lavoro femminile, si fa sarto, tessitore, cuoco, ecc., tosto produce un lavoro migliore di quello della donna.»
« L’istinto rende la donna somigliante alle bestie, sempre dipendente da influenze estrinseche, sicura di sé e gaia. In essa s’agita la singolare forza dell’istinto, che la rende veramente mirabile e attraente.»
« Il genere umano sarebbe rimasto nel suo stato originario se non fossero esistite altro che le donne. Ogni progresso è opera dell’uomo.»
« La lingua è l’arma delle donne, poiché la loro debolezza fisica impedisce loro di lottare con le pugna, la loro debolezza mentale le obbliga a rinunziare alla prova dei fatti, per cui non resta loro che la piena delle parole.»
« Tutto il significato della vita della donna dipende da ciò: che la fanciulla trovi l’uomo che le si confaccia. »

P.s.: Che dite? Continuo con le recensioni o mi dedico ad altre attività?

Read Full Post »