Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 9 agosto 2013

coni-roberta_testata.jpg

Mia sorella e io eravamo ancora piccole quando ci rendemmo conto che ci veniva sempre imposto di portare rispetto a nostro fratello. Lui aveva appena dieci mesi più di me, ma capimmo fin dall’inizio che quelli che contano sono i maschi. Una donna musulmana è tanto più rispettata quanti più figli maschi ha. Quando chiedevano a mia nonna quanti figli avesse, le diceva “uno”. Di fatto aveva nove figlie e un maschio. Lo stesso diceva della nostra famiglia. C’era un solo figlio. “E noi?” protestavamo mia sorella e io. “Voi avrete tanti bei figli maschi”, rispondeva. Mi esasperava. Cosa dovevo fare della mia vita terrena? Partorire figli maschi! Diventare una fabbrica di figli maschi. All’epoca avevo nove anni.

Ayaan Hirsi Ali, “Non sottomessa”

Read Full Post »