Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 14 giugno 2013

CAMELOT

Gelide segrete le mie stanze.
Rettile alato il mio destriero.
Prigioniero d’un incanto
in questa torre d’agata,
fra caligini malsane
e bianche scie.
Stupefacenti note
rimestano i pensieri.
Tenebre e lampi,
echi d’effluvi
e tu dall’altro capo
che porgi le tue grazie
al condannato.
T’immagino al mio fianco,
dolce Ginevra,
che accosti le tue labbra
alla mia pena.

Per pura voluttà
e non per amore
invochi la mia fuga.
Estatico al mio fianco
che affondi la tua spada
in un incanto:
effimero miraggio
plasmato con la smania
degli oppressi.
Vorrei che fossi ebbro
di gioie e libertà.
T’immagino al mio fianco,
mite ribelle,
armato di giudizio,
armato di coraggio,
armato di speranza.
Regina cortigiana.

Annunci

Read Full Post »