Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for gennaio 2009

Io vulesse truvà pace;
ma na pace senza morte.
Una, ‘mmiez’a tanta porte,
s’arapesse pe’ campà!

S’arapesse na matina,
na matina ‘e primmavera,
e arrivasse fin”a sera
senza dì: “nzerrate llà!”

Senza sentere cchiù ‘a ggente
ca te dice: “io faccio…io dico,”
senza sentere l’amico
ca te vene a cunziglià

Senza sentere ‘a famiglia
ca te dice: “Ma ch’he fatto?”
senza scennere cchiù a patto
cu”a cuscienza e ‘a dignità.

Senza leggere ‘o giurnale
‘a nutizia ‘mprussiunante,
ch’è nu guaio pe’ tutte quante
e nun tiene che ce fa.

Senza sentere ‘o duttore
ca te spiega ‘a malatia
‘a ricetta in farmacia
l’onorario ch’he ‘a pavà.

Senza sentere stu core
ca te parla ‘e Cuncettina,
Rita, Brigida, Nannina…
chesta si…chell’ata no.

Pecché insomma si vuò pace
e nun sentere cchiù niente
‘e ‘a sperà ca sulamente
ven”a morte a te piglià?

Io vulesse truvà pace
ma na pace senza morte.
Una,’mmiez’a tanta porte
s’arapesse pe’ campà

S’arapesse na matina
na matina ‘e primavera
e arrivasse fin”a sera
senza di’ “nzerrate là!”

Eduardo De Filippo – 1948

Read Full Post »